Proteggi i tuoi dati con la cronologia di Windows 10

Proteggi i tuoi dati con la cronologia di Windows 10

Windows 10 offre una versione migliorata dello strumento Cronologia file. Ecco come funziona, e come configurarlo al meglio. Inoltre un walk-through delle nuove caratteristiche.

Tutti sanno che è importante eseguire regolarmente il backup dei dati sul disco rigido del proprio computer. Ma sapere  è una cosa; farla è un’altra. Fortunatamente, Windows 10 viene fornito con uno strumento chiamato Cronologia file che rende il backup e il ripristino dei file molto semplice.

In questo articolo, vi mostrerò come attivare “Cronologia file” dalla nuova interfaccia utente e come configurarlo. Inoltre spiegherò come funziona.

Come funziona:

Prima di mostrare come impostare e configurare “Cronologia File”, spiegherò come funziona. Quando hai sistemato tutto e fatto una copia completa dei tuoi dati, e cioè fatto un backup completo di tutti i tuoi files, Cronologia File entrerà in una modalità di monitoraggio invisibile. Quando un file viene modificato, Cronologia File registra le modifiche tenendo traccia della versione originale del file.

Ciò significa che, oltre ad essere in grado di ripristinare l’intero file in caso di danneggiamento o cancellazione accidentale, è possibile ripristinare un file a uno stato precedente dopo aver effettuato modifiche. Più in particolare, se si apportano modifiche a un documento e poi ne pentirete, Cronologia File vi permetterà il rollback a una versione precedente del file.

 

Proteggi i tuoi dati con lo cronologia di Windows 10

Proteggi i tuoi dati con la cronologia di Windows 10 – Il mio numero è 3335473893, mi chiamo Luigi Tanese, mi occupo di informatica e di web da da almeno trent’anni.

Per compiere questa operazione, Cronologia File si avvale di una funzione integrata nel file system NTFS chiamato il diario delle modifiche. In sostanza, quando si apportano modifiche a un file o una cartella sul disco rigido, il diario delle modifiche viene aggiornato con una descrizione della modifica e il nome del file o della cartella. Quindi, per determinare quali file devono essere sottoposti a backup, Cronologia File consulta semplicemente il diario delle modifiche NTFS. L’uso del diario delle modifiche è veloce ed efficiente e non succhia tonnellate di risorse di sistema come ad esempio l’esecuzione di un backup.

Cronologia File ha anche un’altra features molto efficace e cioè se l’unità esterna di backup è scollegata momentaneamente oppure la rete LAN è offline, Cronologia File continuerà il suo lavoro salvando una una copia su una cache del disco locale. Una volta che la posizione di backup diventa nuovamente disponibile, i contenuti memorizzati nella cache vengono trasferite in quella posizione e rimossi dal disco locale.

Inoltre, Cronologia file è sensibile all’utilizzo delle risorse. In altre parole, se la Cronologia file è in funzione e qualche altro compito ha bisogno delle stesse risorse di sistema, Cronologia File entrerà automaticamente in uno stato di inattività aspettando che l’altro compito finisca per poi riprendere automaticamente il suo lavoro.

Cronologia File è anche consapevole di attività relative al mobile computing, ad esempio se un dispositivo è in esecuzione su AC o batteria e se il sistema è andato in modalità di sospensione, si regolerà di  conseguenza in modo da non interferire con le funzioni di risparmio energetico.

Per cominciare:

Per cominciare serve un disco di backup, visto che i prezzi sono diminuiti, consiglieri un disco esterno da 1TB o da 2TB la differenza di prezzo tra i 2 dischi è davvero minima e con qualche decina di euro in più invece di un disco da 1TB si ha un disco da 2TB. Quindi una volta che si ha a disposizione il disco esterno, in Windows 10 cliccare su Start, Impostazioni, Aggiornamento e Sicurezza, cliccare alla vostra sinistra la voce “Backup” come mostrato nella figura A.

Figura A

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 - Figura A

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 – Figura A

Potrai iniziare con la Cronologia File –  Update e sicurezza> scheda Backup in Impostazioni.

Ora, fare clic sul pulsante Aggiungi unità. Windows 10 cercherà per un disco e poi si chiederà di selezionare un’unità, come mostrato nella figura B.

Figura B

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 - Figura B

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 – Figura B

Dopo aver collegato il disco rigido esterno, fare clic sul pulsante Aggiungi unità.

 

 

Dopo aver selezionato tale unità, Cronologia File è attivo e pronto per eseguire il backup automatico dei file, come mostrato nella Figura C. (Potrebbe essere necessario chiudere la finestra Impostazioni e tornare alla scheda di backup prima di vedere che la Cronologia File sia attivo.)

Figura C

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 - Figura C

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 – Figura C

Dopo aver selezionato un’unità, Cronologia File è attivo e pronto per il backup dei file.

 

A questo punto, è necessario configurare come Cronologia file debba lavorare

Configurazione Cronologia file

Per configurare Cronologia File, fare clic sul collegamento Altre opzioni per visualizzare la pagina Opzioni di backup, mostrato nella Figura D. La sezione Panoramica indica che il backup iniziale non è ancora iniziato. Ma prima di fare clic sul pulsante Esegui backup adesso, si dovrebbe visualizzare le opzioni di configurazione.

Figura D

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 - Figura D

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 – Figura D

Prima di fare clic Esegui backup, controllare le opzioni di configurazione della Storia File.

Per impostazione predefinita, Cronologia File controllerà il diario delle modifiche ogni ora e il backup di tutti i file che sono stati modificati. Tuttavia, il menu a discesa Backup Miei Files consente di modificare quella frequenza. È possibile scegliere un ambiente da ogni 10 minuti per una volta al giorno. È inoltre possibile modificare per quanto tempo si desidera Cronologia File debba  mantenere le versioni di backup. Mentre l’impostazione predefinita è per sempre, ovunque si sceglie da un mese a Fino allo spazio è necessario. L’immagine composita nella figura E mostra entrambi i menu.

Figura E

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 - Figura E

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 – Figura E

È possibile modificare la frequenza con file di storia cerca le modifiche così come quanto tempo dovrebbe tenere versioni dei file.

Fare il backup

Una volta finito di configurare Cronologia file, tornare all’inizio della pagina e fare clic sul pulsante Esegui backup. Cronologia file visualizzerà la dimensione del backup e indicherà quali i file vengono sottoposti a backup. Essa vi permetterà anche di sapere quando il backup è completo. Figura F mostra questi stati.

Figura F

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 - Figura F

Proteggi i tuoi dati con lo strumento cronologia di Windows 10 – Figura F

Cronologia File fornisce informazioni pertinenti durante l’esecuzione del backup e quando è completo.

Quando il backup iniziale è completo, è sufficiente chiudere la finestra Impostazioni. Da questo punto in avanti, Cronologia File  monitorerà tutti i file e le cartelle che avete scelto e il backup di tutti i file che vengono modificati.

Ma se hai difficoltà nell’effettuare questa delicata e importantissima attività, non esitare a contattarmi. Il mio numero è 3335473893, mi chiamo Luigi Tanese, mi occupo di informatica e di web da da almeno trent’anni. Ti posso fare una consulenza gratuita e aiutarti a pianificare questa attività.

 

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *