Home » Pubblicità online

Pubblicità online: i vantaggi

pubblicità online

La pubblicità online è un ottimo canale attraverso il quale mostrare gli annunci a chi è interessato ai tuoi prodotti o servizi. Grazie a particolari filtri è possibile escludere il pubblico che non è attratto da determinati tipi di promozioni.

Inoltre con appropriate strategie di web marketing, la potenziale clientela può essere raggiunta esattamente nel momento in cui è alla ricerca della tua azienda o del tuo brand.

Tra le varie piattaforme Google Ads è tra quelle che offre maggiori vantaggi. Tra i principali c’è proprio il targeting che permette di individuare gli interessi dell’utente mettendo in evidenza gli annunci alle persone giuste al momento giusto.

Inoltre è possibile controllare se un utente ha acquistato un prodotto oppure se ha scaricato un’app e qual è il tasso di click. Sapendo quali annunci sono maggiormente cliccati saprai anche su quali campagne puntare e dove investire di più. Grazie all’utilizzo di particolari strumenti si possono studiare anche informazioni sulle abitudini di acquisto della clientela. Per esempio come si muove l’utente durante la sua ricerca prima dell’acquisto finale.

 

Hai un sito web e desideri raggiungere nuovi clienti? La pubblicità online è la soluzione ideale.

 

 

Pubblicità online: cosa bisogna tenere presente

megafoni

Non è scontato dire che per fare la pubblicità sul web è necessario essere ferrati su determinati argomenti; bisogna quindi sempre affidarsi agli esperti di una web agency.

Per cui, per la promozione dei propri servizi, prodotti o brand, sconsigliamo il cosiddetto “fai da te” perché oltre a poter facilmente sbagliare campagna pubblicitaria, si rischia di investire male i propri soldi.

Dietro una pubblicazione di tipo comunicativo esiste un lavoro molto serio e approfondito. La pubblicità online richiede alcune conoscenze in ambito web e per quanto riguarda il marketing che non sono assolutamente da sottovalutare.

 

In particolare è molto importante conoscere:

  • spazi e siti pubblicitari;
  • tipologia di annunci;
  • tipologia di campagna;
  • comparatori di prezzi,
  • modelli di costo/pagamento.

Gli spazi e i siti pubblicitari si possono acquistare per fare la pubblicità su internet da far apparire su: Motori di ricerca, siti web e blog, social network quali Facebook, Linkedin e Twitter.

La tipologia di annunci è una scelta di chi pubblica e varia a seconda che si tratti di banner, annunci video o testuali, annunci illustrati come attraverso l’utilizzo di infografiche o tramite app, contenuti digitali etc.

La tipologia di campagna ingloba: SEA (Search Engine Advertising), ossia la pubblicità sui Motori di ricerca tramite Google ADS, affiliazioni, Email marketing, Retargeting etc.

I comparatori di prezzi sono vere e proprie piattaforme sulle quali l’utente atterra per decidere quale prodotto acquistare proprio perché lo stesso viene proposto a prezzi differenti. I comparatori sono specifici per gli e-commerce.

I modelli di costo/pagamento sono da tenere conto in ambito di pubblicità sul web. I più importanti sono:

CPC o costo per click;

CPV o costo per visitatore;

CPA o costo per acquisizione;

CPM o costo per mille;

CPV o costo per visualizzazione;

CPS o costo per Sale/vendita,

CPL o costo per Lead.

In base al modello prescelto quindi si parlerà di pagamento per ogni singolo click, per il visitatore che atterrerà sulla pagina, a seconda se l’utente compirà una determinata azione nel funnel o  cosiddetto “imbuto di conversione“. Oppure il pagamento avverrà su mille impressions, a seconda delle visualizzazioni, se l’utente termina un acquisto o infine se il visitatore si trasforma in Lead o si iscrive ad una newsletter.

Tipi di pubblicità

schermo con email

 

Esistono vari modi di fare pubblicità on line. La pubblicità su internet può essere fatta attraverso i banners, le pubblicità video, annunci sui social, l’email marketing, il retargeting, i popup e anche attraverso il posizionamento per i motori di ricerca. Approfondiamoli uno per uno.

  • BANNERS:

Si tratta di spazi che vengono posizionati in zone specifiche di una determinata pagina e possono avere formati differenti. Nonostante questo tipo di pubblicità sia più datato rispetto ad altri, tende comunque a catturare bene l’attenzione.

La finalità è quella di spingere l’utente a cliccarci sopra per atterrare su di un sito o su una landing page. I banners devono essere messi nel posto giusto al momento giusto. Aspetto da non trascurare è la loro originalità, grazie a cui possono diventare molto efficaci.

  • PUBBLICITA’ VIDEO

Probabilmente rappresenta la tipologia più vicina agli utenti perché di semplice comprensione. Guardare un video e interpretarlo risulta più facile di altre operazioni.

Anche se Youtube resta la piattaforma più diffusa per quanto riguarda i video, esistono anche altre fonti per il formato video.

  • ANNUNCI SUI SOCIAL

Oggi le campagne che attivano gli influencers tramite i social networks sono quelle che riscuotono maggiore successo.

Basta pensare a quanti scelgono Facebook quale piattaforma preferita per promuoversi o pubblicizzare un brand di spicco e automaticamente guadagnarci.

Gli altri social molto in voga per pubblicizzare sono: Instagram, Twitter, Linkedin.

  • EMAIL MARKETING

Possiamo dire che, in questo ambito, è lo strumento digitale più forte. Attraverso un’analisi permette di creare messaggi personalizzati per la clientela e di farglieli arrivare proprio quando se lo aspettano.

E’ un canale molto utilizzato e grazie alla Direct Email Marketing è possibile inviare, sempre tramite mail, la pubblicità ad una lista di clienti prescelta.

  • RETARGETING

Attraverso questo tipo di pubblicità, ci si propone a tutti quegli utenti che hanno visitato un certo sito almeno una volta. Lo si fa quando chi vi ha navigato non si ferma per concludere un acquisto.

I messaggi potranno essere personalizzati a seconda del comportamento dell’utente stesso. Vengono studiate le modalità migliori per accattivarsi una possibile clientela.

  • POPUP

Sono form o finestre incorporate all’interno dei siti per incentivare una determinata azione. Non sono di disturbo alla navigazione e intervengono soltanto nei momenti più opportuni.

Interessanti sono i popup che appaiono con un determinato invito per l’utente, proprio quando sta per abbandonare la pagina oppure il sito. Si dimostrano utili e molto efficaci.

  • POSIZIONAMENTO PER I MOTORI DI RICERCA

Si tratta di un metodo molto naturale di fare pubblicità. Infatti quello che si promuove si trova direttamente nei link che vengono proposti all’interno delle pagine dei siti web.

Questi link non si chiedono, non si acquistano né inseriscono manualmente, perché è Google che li sceglie attraverso i suoi algoritmi posizionandoli laddove gli utenti vorrebbero trovarli.

Quanto costa la pubblicità online

Quanto costa la pubblicitàPer attivare una campagna pubblicitaria on line si può partire da un budget qualsiasi. L’investimento però deve essere fatto in base a determinati fattori.

Inquadrare bene cosa si ha intenzione di offrire al pubblico e magari iniziare con pochi euro rappresenta un ottimo modo per proporsi.

Non è necessario impegnare somme elevate da subito, perché è doveroso prima assicurarsi quali sono i frutti che si iniziano a raccogliere. E’ proprio dopo aver ottenuto i primi risultati che sarà possibile valutare la migliore strategia da adottare.

Nel momento in cui si può monitorare l’andamento della campagna e si prende consapevolezza che esistono dei guadagni reali e più consistenti allora si può puntare più in alto. Il consiglio è di non strafare soprattutto se si tratta della prima volta in questo campo. L’importante è individuare i prodotti giusti da proporre alla giusta clientela.

Concludendo

Fare pubblicità online è diventato imperativo ma è buona regola seguire i giusti criteri.

Se hai intenzione di pianificare una strategia di web marketing potresti contattarci per

Chiedere maggiori informazioni